Accesso ai servizi

Lunedì, 09 Maggio 2022

#NessunoRestaIndietro - Facilitatori Digitali



#NessunoRestaIndietro - Facilitatori Digitali


Si chiama “#NessunoRestaIndietro - Facilitatori Digitali” il nuovo progetto delle ACLI PROVINCIALI di Cuneo APS che cerca 8 giovani della provincia da coinvolgere. Ragazzi e ragazze residenti nelle zone di Cuneo, Langhe, Saluzzese, Valle Maira, Valle Stura, Valle Vermenagna, con età tra i 18 e i 28 anni sono invitati a candidarsi per diventare Facilitatori Digitali.

 Il progetto è promosso dalle ACLI PROVINCIALI di Cuneo APS in collaborazione con la società di consulenza PROKALOS, ENAIP Piemonte, ASCOM BRA, CONFESERCENTI provincia di Cuneo, GEM Communication, Fondazione DIG421 ed ha già trovato l’adesione dei Comuni di Barge, Dronero, Vernante, Centallo, Mombasiglio, Pietraporzio, Roccaforte Mondovì, San Michele Mondovì, Santo Stefano Belbo e Roddino.

 Oltre ad un ampio partenariato, il progetto ha ottenuto il sostegno di UNICREDIT tramite la Fondazione Accenture Italia che ha premiato l’idea dei Facilitatori Digitali selezionando le ACLI PROVINCIALI di Cuneo APS tra i 7 enti finanziati a livello nazionale dal bando Road to Social Change.

 Le ragazze e i ragazzi tra i 18 e i 28 anni residenti nelle zone della provincia individuate per questa sperimentazione sono invitati a candidarsi entro il 15 maggio 2022 compilando un form e caricando il proprio curriculum tramite questo link. Agli 8 giovani che saranno selezionati dopo aver partecipato alla formazione, sarà offerta un’opportunità lavorativa con una collaborazione di 6 mesi durante i quali saranno presenti alle giornate di facilitazione digitale “Il Patronato viene da Te” organizzate nei Circoli ACLI e nei Comuni aderenti.

https://forms.office.com/Pages/ResponsePage.aspx?id=0TgXo9kJn0ieJDVOoG4EcjGVExUQDYxHpejkJkCtho1UOUhBTkZTSDY0M0xGNVYzMk5SNTBHTVNCQy4u&qrcode=true

 “Questo progetto - spiega il Presidente provinciale Elio Lingua  - ha come obiettivo quello di facilitare l’accesso ai servizi digitali della Pubblica Amministrazione e del Terzo Settore da parte della popolazione più penalizzata dal digital divide, ad esempio adulti e anziani con scarsa o nulla alfabetizzazione digitale. I giovani Facilitatori che andremo a formare con un percorso dedicato a valorizzare e rafforzare le loro competenze di “nativi” ci aiuteranno a favorire la prossimità dei servizi per combattere lo spopolamento, l’impoverimento e la marginalizzazione delle Aree Interne. Vogliamo, con questo progetto, favorire anche la diffusione della cultura digitale, trasformando le ACLI in un soggetto ponte che possa supportare la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e aiutare i cittadini più in difficoltà.”

 “Il riconoscimento ricevuto da Unicredit - prosegue Lingua - è per noi una grande soddisfazione, un segno di riconoscimento della vicinanza delle ACLI alle esigenze della gente. Pensiamo ai nostri anziani e alle tante persone che scelgono di vivere in zone lontane dai principali servizi. I nostri Circoli sono da sempre presenti in tutta la provincia e con questo progetto vogliamo farli sentire ancora più vicini alla gente”.

 I giovani Facilitatori Digitali, reclutati e formati dal progetto su come funziona la Pubblica Amministrazione (il suo linguaggio, le aree di influenza dei decisori, le funzioni degli organi di governo), impareranno a conoscere i servizi digitali e le principali misure governative in materia di innovazione e digitalizzazione. Il loro compito sarà quello di dare supporto ai cittadini durante apposite giornate di facilitazione che le ACLI PROVINCIALI di Cuneo APS hanno chiamato “Il Patronato viene da Te” realizzate nei Circoli ACLI e negli spazi messi a disposizione dai Comuni partner. Qui i cittadini potranno ricevere un aiuto concreto, a loro dedicato, per aprire un profilo Spid (l’identità digitale per accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione, capire come scaricare e usare l’App IO, come accedere al fascicolo sanitario digitale ... e molti altri servizi presenti online.

 “Con le giornate di facilitazione - prosegue il Direttore delle ACLI provinciali, Loris Marchisio - i giovani reclutati dal progetto saranno presenti nei Comuni ultraperiferici e periferici della nostra provincia trasformando gli spazi messi a disposizione dai Comune e dai Circoli Acli in piccoli “hub della transizione digitale”dove metteranno a disposizione dei cittadini le loro competenze. La loro azione sarà quindi itinerante sul territorio e attivata a seconda delle prenotazioni raccolte dai Comuni e dai Circoli”.

 Per informazioni sul progetto e sulle candidature, si può visitare il sito web delle ACLI PROVINCIALI di Cuneo APS www.aclicuneo.it o scrivere una mail a progettazione.cn@acli.it


Documenti allegati: